Halloween do it yourself per contrastare il grande freddo!

L’inverno è infine arrivato e ci ha catapultato al di là della barriera a fare compagnia agli Estranei; sembrava un’estate senza fine, ma sarà un caso che Halloween pare sia collegata alla festa di Samhain, che nell’antico irlandese significa approssimativamente “fine dell’estate”?
Noi comunque non vogliamo fare la fine degli Stark e quindi anche quest’anno non ci siamo fatte cogliere impreparate: muoveremo le nostre manine laboriose e ci scalderemo con un po’ di do it yourself e handmade!
Stavolta però non saremo qui a consigliarvi decorazioni o ricette di dolcetti e neanche vi mandiamo per campi a cogliere zucche da intagliare; stavolta vi vogliamo belle come Daenerys Targaryen!

Con la collaborazione di Maria Teresa dell’associazione culturale Moll che ci ospiterà e grazie alla nostra stagista americana Christina e a CISabroad abbiamo organizzato un workshop con il quale insieme a noi  imparerete le tecniche del riuso creativo e del recupero dei materiali e realizzerete, senza l’utilizzo della macchina da cucire, un COSTUME DI HALLOWEEN FAI DA TE!

HALLOWEEN 2014 WORKSHOP
Il workshop della durata di circa 2 ore si svolgerà martedì 28 ottobre dalle 19 alle 21 presso l’associazione culturale Moll, in zona Monteverde (come raggiungere Moll: clicca qui); l’incontro è aperto a tutti (professionisti e principianti) e non sono richieste esperienza e abilità particolari.

E se quest’anno ad Halloween volete un costume da far invidia alla malefica Cersei Lannister non vi resta che scriverci per prenotarvi al nostro workshop!

✄ Per info e adesioni: info.redcyclelab@gmail.com

M.

Annunci

AltaRoma AltaModa Event!

This week, the RedcycleLab Team attended AltaRoma AltaModa! This event is held by AltaRoma and is essentially Rome’s fashion week. The fashion weeks occurs in January and July, and brings together italian fashion houses as well as international houses.altaromaaltamoda

We decided to attend ethical fashion event that was a collaboration between AltaRoma and Ethical Fashion Initiative. There were four different designers that showed their collections in this one: Duaba Serwa, Mina Evans, and special guest Lisa Folawiyo, and special project Stella Jean. These designers were showcasing african influences along with lots of pattern and color. We loved the heavy usage of accessories and billowy fabrics.

Stella Jean ss 2015

Stella Jean collection

Duaba Serwa is a brand that uses lots of detail in their garments, creating an extravagant and bold product. Evans uses luxurious fabrics, including the traditional local West African fabric Ankara, and focuses on intricate embellishments to add femininity. Special guest Lisa Folawiyo also uses Ankara, the african fabric, and excels at that with ornate embellishments. This designers has captured global attention because of her ability to merge fitted, feminine silhouettes with a traditional African twist. The embellishments are applied by hand, and can take up to 120 hours. Special project Stella Jean focuses on Creole culture, and we saw a lot of color and pattern in this collection shown. This designer has blended the new and the old to create a multicultural collection we saw at the show. This particular show was centered around the project Ethical Fashion, focusing on social responsibility to promote ethical consumption. This, in turn, will hopefully help alleviate poverty within Third World countries. We really enjoyed seeing the cultural mix of fashion and an even better time knowing that it was for a great cause!

**Here are a few of our favorite looks from AltaRoma AltaModa**:

Lisa Folawiyo

Lisa Folawiyo collection

photo%203

Duaba Serwa design

photo 1 photo%201 photo 3 photo 2

Mina Evans

Mina Evans collection

 All photos are copyrighted material and all rights are reserved –

Tutorial per l’estate: sacchetta porta costume!

E come ogni lunedì post workshop “Re(d)made” al Vintage Market, eccoci con il tutorial del progetto che le nostre Re(d)cyclers hanno cucito ieri! Basta rovistare tra i cassetti e andare a recuperare vecchie tovaglie cerate, oppure riutilizzare quella tenda da doccia di plastica che non vi piace più. Vedrete che verrà fuori una sacchetta carinissima da utilizzare per costumi bagnati, creme, giochi dei bimbi e tutto quello che vorrete avere a portata di mano nella borsa del mare!

Dai dai che l’ESTATE non è così lontana! Buon cucito!

(remember, this is for personal use only.  contact me if you'd like to become a licensed seller)

(remember, this is for personal use only. contact me if you’d like to become a licensed seller)

G.

L’attaccabottone: CO-HIVE, spazio agli artigiani!

attaccabottoneok

Negli ultimi giorni c’è stato un gran parlare di creativi, complice la campagna lanciata da ZERO #coglioneNO ed ormai è sulla bocca di tutti un solo termine: coworking (per chi non lo sapesse è la condivisione di un ambiente lavorativo da parte di professionisti che svolgono attività indipendenti, con lo scopo di dividere spese e strumenti).
Aver trovato CO-HIVE in rete è stato il segno divino!

“Il futuro è l’artigianato: il lavoro non si cerca, si crea.”
Si apre con la citazione di Stefano Micelli di Futuro Artigiano (di cui vi abbiamo già parlato qui la scorsa settimana) il sito web di CO-HIVE, una piattaforma dedicata ad artigianimakers e crafters, grazie alla quale sarà possibile condividere lo spazio lavorativo e gli strumenti del mestiere, per minimizzare i costi ed i rischi, ottimizzare i risultati e anche scambiare competenze, conoscenze e professionalità.

co-hive2

Grazie a CO-HIVE sarà possibile creare il proprio profilo, descrivere lo spazio di lavoro e di cosa si ha bisogno per realizzare le proprie idee ed avviare l’ attività e, nel caso in cui si disponesse invece di un’ attività già avviata, decidere di mettere a disposizione le attrezzature e le competenze, trasmettere la propria esperienza, fare in modo che non si disperda il “saper fare” dei mestieri della tradizione e dell’innovazione.

Per poter realizzare questo interessantissimo progetto e creare finalmente una comunità di coworker, gli ideatori stanno raccogliendo i fondi necessari per sviluppare la piattaforma attraverso una campagna di crowdfunding ed è possibile inviare il proprio contributo (a partire da 2 euro) entro il 25 gennaio
info: www.eppela.com/ita/projects/618/co-hive-spazio-agli-artigiani

Tanti artigiani hanno messo a disposizione le proprie creazioni come ricompensa per le donazioni: Violino Viola, Piccolo VegsforPots, CugineMancine, Winostudio, Mataeria: officine artigiane, solo per citarne alcuni

Noi di Re(d)cycleLab abbiamo deciso di sostenere questo progetto, che tanto ci sta a cuore, con una donazione….e voi cosa aspettate???

M.

Befana ti aspettiamo!

Non so voi, ma la storia dell’ “Epifania che tutte le feste si porta via” mi ha sempre messo un po’ d’ansia. Sarà che da piccoli segnava il ritorno a scuola e la corsa contro il tempo per finire i compiti delle vacanze, senza lasciarti il tempo di godere dei regali e dei dolci che la vecchietta sulla scopa ti aveva portato; da più grandi poi il ritorno all’università, la sessione di febbraio sempre più vicina, doversi mettere sui libri senza avere più scuse. Poi è arrivato il ritorno a lavoro, di nuovo il traffico, la metro che è sempre piena…e non ho tempo di togliere tutte le decorazioni natalizie che ho sparso per casa!
Quindi da un po’ di tempo ho imparato a prenderla in modo differente e ad attendere il fatidico momento godendomi la festa già da qualche giorno prima così da arrivare con il sorriso al 6 gennaio: da ieri ho raccolto un po’ di idee in giro, ho cominciato a guardare ricette di biscotti e dolcetti e oggi mi metterò a creare qualcosa di originale per dare il benvenuto alla Befana!

Se anche voi volete calarvi nell’atmosfera che sto vivendo, ancora non avete preparato la vostra calza e siete stanche delle solite preconfezionate, ecco il nostro TUTORIAL per creare in modo semplice e veloce una calza della befana fai-da-te

 

Partendo da questa base e usando vecchie stoffe o pannolenci, potrete realizzare delle calze originali e decorarle con l’aiuto di merletti, nastri, bottoni, pompon e molto altro:
calzeuno1-white felt stockings 2-Holiday decoration. Felt stocking. Sparkle and shine. 3-fonte Pinterest 4-Gold Christmas Stocking 5-fonte Pinterest 6-Sparkling stocking

Con lo stesso tutorial è possibile creare delle coloratissime calze anche utilizzando carta da pacchi, carta regalo o cartoncino:
cartacartoncinobefana1-Timeless Paper Stocking for Little Cookies 2-fonte Pinterest 3-brown paper stocking 4- Confetti Sunshine: DIY Santa Stocking Party Favors 5-Christmas carols stocking 6-Pride and Prejudice paper stocking

Ve lo diciamo sempre: non buttate vecchi maglioni, t-shirt o jeans…tutto si riusa!
riuso1-Pompom stocking 2-Roock! 3-Recycle! christmas stockings from felted thrift store sweaters 4-sweater stocking 5-Sweater Stocking – Martha Stewart Crafts 6-Pom-Stitched Stocking 7-accidentally felted a sweater? upcycle!! into gorgeous Christmas stockings 8-Christmas Stockings Made from Sweaters

Non vi ho convinte? a tutto si rimedia! Potete semplicemente stendere i vostri calzini ed aspettare che la Befana arrivi a mettere qualche dolcetto in più al posto del carbone!

Christmas socks

M.

Un anno da Pollyanna

Ho notato che è usanza nei blog tirare un po’ le somme dell’anno appena trascorso e stilare la “to do list” dei buoni propositi per quello che verrà. Premettendo il fatto che ho una reale passione per post-it, liste da depennare con orgoglio e che ogni momento di passaggio è per me occasione per darsi nuovi obiettivi (perché a settembre non si fa la stessa cosa?!), inevitabilmente ogni volta finisce più o meno così.

2014

Perciò quest’anno eviterò scarabocchi e missioni (im)possibili e cercherò soltanto di scegliere con cura quali saranno le direzioni da prendere per questo 2014 e di stilare mentalmente una lista di desideri nel quotidiano, per trovare ogni giorno il modo di tornare a casa con il sorriso (è l’unica via! come si dice del resto?! “chi fa da sé, fa per tre”).

▶Vorrei che fosse un anno in cui, al di là delle salite impervie di tutti i giorni, delle lotte nel traffico, delle file da fare ovunque, riuscire a ritrovare lo stupore, l’amore nelle piccole cose e nei bei momenti ogni giorno. Sembra un po’ troppo un’attitudine alla Pollyanna? Vabè per questo 2014 proviamoci; se non funziona per il 2015 passeremo ai consigli di Gargamella.

▶Vorrei che fosse un anno di splendidi incontri, di stimoli e spinte a dare sempre il meglio. Vorrei che fosse un anno di traguardi, anche piccoli, che sommati tutti insieme diano tanta soddisfazione. Tocca darsi una mossa e andare a cercare, scovare e spulciare tra quello che abbiamo intorno e non; come quando si spulcia ai mercatini per trovare esattamente quello che cercavamo, se non qualcosa di migliore.

▶Vorrei un anno in cui ogni scelta sia consapevole; in quello che mangiamo, in quello che indossiamo, in quello che compriamo c’è sempre un nostro pensiero.

L’importante, quando si hanno dei desideri, è focalizzarli per bene, puntare dritti dritti a quell’obiettivo, come quando si scriveva la lettera a Babbo Natale e si sapeva esattamente cosa chiedere ed era facile venire esauditi (sì, qualche intoppo c’era sempre ma almeno avevamo le idee chiare!).

Noi di Re(d)cycleLab saremo super felici di passare con voi altri 365 giorni di scoperte, condivisione e creatività. Quando poi tutti i buoni propositi dell’anno si possono mettere su un tavolo e, tra una cucitura e l’altra, scambiarseli e scoprire affinità e desideri simili, il più è fatto e il sorriso arriva sempre.

Vi auguriamo davvero il meglio

G.

Immagine

Immagine

Immagine

Re(d)cycleLab per un Natale..Sensacional!

attaccabottoneok

Ormai dovreste saperlo: domenica 15 dicembre Re(d)cycleLab sarà ospite del Vintage Market al Circolo degli Artisti con un workshop di cucito e sarà presente con il suo stand di creazioni insieme ad altri 80 espositori.
Però ci teniamo particolarmente a ricordarvelo perché questo Natale, oltre ad essere per noi un Natale Handmade, sarà anche SENSACIONAL!
Il nostro stand infatti sarà arricchito dalla presenza, direttamente dal mondo dei disegni dei bambini, dei Pupenzini, pupazzi realizzati da una creatrice siciliana con stoffe, scampoli, bottoni e vestiti re-used!

pupenzini

Con la vendita dei Pupenzini sarà possibile sostenere i progetti della Onlus Sensacional, che opera in Italia e nel Sud del mondo nel campo della innovazione sociale.
Composta da professionisti che lavorano nei più diversi ambiti del profit e del non profit e che sono impegnati ad ideare progetti sostenibili, semplici ed efficaci, Sensacional interviene negli ambiti della salute, educazione, formazione professionale ed artistica ed è attualmente presente in Brasile, Argentina, Ecuador, Perù, Tanzania, Cambogia e Italia.


Il motto è Il Bene fatto Bene e si definiscono un contenitore di sogni; con onestà, trasparenza e rispetto si adoperano per sviluppare idee ambiziose e trasformarle in realtà
Grazie alle molteplici opportunità e modalità di partecipazione in progetti di utilità sociale che sono date dalle nuove tecnologie, Sensacional dà forma ad idee innovatrici che nascono a livello locale e ha l’obiettivo di soddisfare le necessità delle persone in difficoltà e dare valore alle idee nate nel territorio per il territorio.

Così è stato possibile creare una Rete di Comunicazione di Radio Comunitarie in Argentina, a Buenos Aires; in Tanzania si è potuto rendere indipendente energicamente il centro di formazione “Mkombozi” grazie all’installazione di pannelli fotovoltaici; in Ecuador si stanno raccogliendo fondi per completare l’arredamento di 3 aule all’interno di una scuola; con il progetto Lanificinho si sostengono le attività artistiche e culturali del progetto Giovani Rocinha e tanti altri i progetti ancora da realizzare!
Tutte le persone che ne fanno parte sono spinte da qualcosa che va al di là della semplice volontà di aiutare, di essere utili per il prossimo: Sensacional è un gruppo di persone responsabili e piene d’energia, che credono che la società si possa cambiare davvero, attivamente, attraverso piccoli utili gesti, attraverso il contributo di ciascuno di noi.

Il pollice verso l’alto rappresenta il nostro approccio alla vita ed alle tematiche sociali. Fare “il bene fatto bene” significa operare con coscienza ed efficienza, mettendo testa e cuore in quello che si fa, senza paura.
Vogliamo risolvere i problemi delle persone più in difficoltà e vogliamo farlo per davvero. Vogliamo coinvolgere le persone che dispongono di risorse e quelle che dispongono di conoscenze, vogliamo che anche loro siano parte del nostro movimento in cui la condivisione è la chiave per il successo, per aiutare i popoli a intraprendere la loro strada.”


È possibile sostenere le attività attraverso donazioni, eventi di fundraising o diventando un volontario o collaboratore (per info http://www.sensacional.org/sostienici).
Oppure venendo a trovarci domenica 15 dicembre e regalando un Pupenzino.. per un Natale Sensacional!

M.