L’attaccabottone: Casa Museo dello sguardo sulla disabilità

attaccabottoneQuando abbiamo deciso di avviare la nostra attività e rendere concreti i nostri sogni, non avevamo in mente solo corsi di cucito e la creazione di abiti di refashion, ma anche e soprattutto la voglia di relazionarci con tante persone, ricercare il bello e scovare progetti animati dalla nostra stessa passione e voglia di fare.

Ed è per questo che essere entrate nella Casa Museo dello sguardo sulla disabilità, nel quartiere Salario di Roma,  ci ha subito fatto capire che eravamo nel posto giusto e che collaborare con chi è dietro a questo fantastico progetto, promosso e sostenuto dall’Associazione “Come un Albero” Onlus, sarebbe stato un bellissimo (nuovo) inizio.

1

“La Casa Museo dello sguardo sulla disabilità è un progetto unico nel suo genere: un museo arredato come una casa, in cui ai visitatori/ospiti vengono consegnate delle vere e proprie chiavi di lettura per avvicinarsi, scoprire o ri-conoscere le prospettive che determinano il concetto di disabilità e i modi in cui la disabilità viene de-finita. Un museo quindi in cui ad essere esposta non è la disabilità, ma lo sguardo che la produce e i meccanismi sociali e culturali che la de-finiscono.”

come un alberoUn luogo speciale, dove dalla camera da letto, al salotto, la cucina, il bar e la libreria, ci si sente davvero come “a casa”, in ambienti pieni di cura e accoglienza.

Noi di Re(d)cycleLab parteciperemo all’avvio delle attività della Casa Museo, attraverso tre workshop a tema, nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre. In due ore, realizzeremo 3 progetti differenti approfondendo le tecniche base del cucito.

Per maggiori info, consultate la nostra sezione dei corsi qui.

**Cercate di esserci, perché non si tratterà solo di macchine da cucire e nozioni, ma condivideremo molto di più!**

Per altre informazioni su la Casa Museo dello Sguardo sulla disabilità, consultate il loro sito.

G.

Regalino di natale: Tutorial bandierine!

buone festeDopo la magnifica giornata di domenica, dopo i ringraziamenti alle nostre bravissime Re(d)cyclers e a chi ci è passato a trovare,

vi lasciamo un piccolo regalo di Natale, semplicissimo da realizzare. Pochi punti, tanta fantasia ed il festone è fatto! Semplici passaggi per svoltare le preparazioni natalizie!

Vi auguriamo di passare delle magnifiche feste e di sopravvivere alle abbuffate!

Con tanto amore,

Re(d)cycleLab

ImageG.

Re(d)cycleLab presenta LA NUOVA COLLEZIONE ESTIVA – Festa per la Cultura 2013 Garbatella

IN OCCASIONE DELLA FESTA PER LA CULTURA
(info qui)
che si terrà per il 20° anno nel quartiere Garbatella

il 15 GIUGNO 2013 
RE(D)CYCLELAB
vi invita alla presentazione della
NUOVA COLLEZIONE ESTIVA

dalle ore 17 APERITIVO + DJ SET ( Borghetta Stile)
– FREE ENTRY –

SCARICA IL  Comunicato stampa

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


Per l’estate Re(d)cycleLab ha creato una collezione che punta alla bellezza, al design, alla qualità e al riutilizzo di materiali.

Vecchie vele, scarti industriali e abiti inutilizzati e ormai fuori moda si sono trasformati in capi Re(d)cycle, diventando unici, differenti e di tendenza.

Le testimonial di questa collezione, come sempre saranno ragazze e donne che sono protagoniste della loro vita tutti i giorni.

La collezione verrà presentata il 15 giugno, all’ interno del laboratorio dove i vestiti sono stati ideati e creati. L’occasione è la festa per la cultura che si svolge per il 20° anno nello storico quartiere della Garbatella, dove il laboratorio ha sede.

bbbbbbbbbbbbb

00000

————————————————————————-

EMAIL: info.redcyclelab@gmail.com

I consigli di Re(d)cycleLab

La scorsa settimana c’è stata l’ultima lezione del corso da modellista e con essa si è concluso il ciclo dei corsi in vista dell’estate (anche se a quanto pare tarda ad arrivare).

Lo abbiamo detto tante volte a voce, e promesso di scrivere più volte, ma si sa, le cose a cui pensare sono sempre tante e con la presentazione della nuova collezione alle porte, è stato difficile mettersi a tavolino e preparare il tutto.

Con un po’ di pazienza, però, ce l’abbiamo fatta e per tutti i soci di Re(d)cycleLab abbiamo una fantastica notizia! Contattando ALESSIA TRE s.r.l per macchine da cucire, accessori, manichini e il resto, presentandosi con la tessera da socio avrete tanti SCONTI!

Qui di seguito vi presentiamo le tariffe offerte gentilmente dai nostri amici, che ci sentiamo di consigliare per gentilezza, professionalità e ottima qualità delle attrezzature!

ALESSIA TRE s.r.l. – Via dei Platani 36, b/c – tel. 0624407886 – mail: alessiatresrl@libero.it

Immagine

Speriamo che vi possa essere d’aiuto! Continuate a seguirci! Presto vi forniremo tutti i dettagli della presentazione della collezione!

Re(d)cycleLab @ Think Green Eco Festival

Organizzato dall’associazione Think Green factory, col patrocinio del Municipio XI, dell’Ente Parco Appia Antica e dell’Earth Day Italia, il Think green ECOFESTIVAL torna nella Capitale dal 19 al 21 aprile 2013 per promuovere la sostenibilità ambientale proprio a ridosso della giornata mondiale della terra che quest’anno cade il 22 aprile.
Orti urbani, riciclo e mobilità sono i temi principali attorno a cui si svolgerà il festival, veicolati attraverso conferenze, performance, laboratori didattici, musica , installazioni, arte e degustazioni.

ecofest
La manifestazione, ad ingresso gratuito, si svolgerà all’interno Ex Cartiera in Via Appia Antica, 42.
(info e orari qui)

Tra le varie associazioni e realtà presenti  (solo per citarne alcune: Greenpeace gruppo Locale Roma e Legambiente, Libera Municipio XI, Terra Onlus, Orti Urbani Garbatella, l’Università del saper fare, Lab.bio Eut-orto, il movimento Salvaciclisti, la scuola di musica elettronica Fonderie sonore, Amigdala, il portale di car pooling e molte altre..) ci saremo anche noi di Re(d)cycleLab!

Il nostro stand informativo sarà presente venerdì 19 e sabato 20.
All’interno della manifestazione abbiamo inoltre deciso di partecipare organizzando un workshop dal nome Re(d)yMade per il giorno 20 aprile in doppio turno, ore 12 e ore 15, che si svolgerà nella sala riunioni dell’Ex Cartiera in Via Appia Antica, 42.
locandina buona

Durante il workshop verrà realizzato un grembiule da giardinaggio (o per la casa) a partire da una gamba di un jeans o pantalone, a cui verranno poi cucite delle tasche di stoffa riciclata. Verrà utilizzata la tecnica del cucito a mano, non c’è un’età consigliata ed è aperto a tutti (professionisti e principianti). Il numero massimo di partecipanti a ciascun turno è di 15 persone e la durata indicativa è di 1h. 
Sarà possibile effettuare la pre iscrizione scrivendo a workshop.redcycle@gmail.com . Sarà inoltre possibile iscriversi sia il venerdì che direttamente il sabato presso il nostro stand.
Il costo del workshop è di 15 euro a persona, compreso il materiale e la tessera associativa socio ordinario dell’ ass. Re(d)cycleLab.
La quota potrà essere versata direttamente presso il nostro stand fino a 45 minuti prima dell’inizio della lezione.

vi aspettiamo!!!

più info qui

Re(d)Easter_workshop di cucito by Re(d)cycleLab

417678_10151289219615824_15222120_n

DOMENICA 24 MARZO 2013
h. 15.30 – 19.00

l’associazione Re(d)cycleLab e la cooperativa Il Grande Carro

vi invitano a:

RE(D)EASTER – un workshop di cucito
(evento facebook)

in cui si impareranno le basi del cucito e si realizzerà un kit da picnic

presso la serra del Centro Diurno di San Paolo, via Giustiniano Imperatore 45, metro Basilica di San Paolo.

La primavera sta arrivando e con lei il periodo delle scampagnate.
Pasquetta e Primo Maggio si avvicinano e noi di Re(d)cycle non possiamo farci trovare impreparate e vogliamo farvi fare bella figura al prossimo picnic con gli amici!!

picnic5

Per questo abbiamo deciso, insieme alla cooperativa del Centro Diurno di San Paolo, Il Grande carro, di proporre a tutti voi un workshop intensivo di cucito, durante il quale si impareranno l’utilizzo base della macchina da cucire e i diversi tipi di cuciture e si realizzerà un kit da picnic composto da 2 tovagliette con tasca porta posate ed un simpatico tovagliolo.
Inoltre nel kit è compreso un cestino di carta preparato da noi per poter contenere il vostro kit e il tutorial per poter realizzare a casa le altre tovagliette.

vintage-inspired-picnic-wedding-22

Il corso si svolgerà all’interno della serra del centro diurno in un ambiente molto suggestivo e piacevole, dove tra fiori e piante ci scambieremo le nozioni….e anche un po’ di chiacchiere!!!

durante il workshop è prevista una pausa merenda

le iscrizioni terminano il 20 marzo
per tutte le info, costi e prenotazioni: workshop.redcycle@gmail.com

8 MARZO: IO CUCIO TUTTI I GIORNI

Cucire è un’attività domestica, e, come tale, è stata generalmente inserita nel campo della responsabilità delle donne. Prima dell’avvento del femminismo, cucire era avvolto in tutte altre nozioni che hanno indotto la necessità di liberazione delle donne: la cancellazione di ruoli sottovalutanti e le condizioni sociali che non consentono  scelte di vita al di fuori del matrimonio e della maternità.
545609_457622517596760_927913225_n
Con la pubblicazione di La mistica della femminilità e l’evoluzione del femminismo di prima ondata, le donne cominciarono a staccarsi dal lavoro domestico e, di conseguenza, cucire in casa diventa meno popolare e forse anche ridicolo. Dobbiamo ringraziare la seconda ondata per  i molti diritti che le donne hanno ora, ma purtroppo questa era ha visto anche l’ulteriore calo di artigianato domestico.
Per alcuni il cucito potrebbe anche essere stata considerata un’attività anti-femminista, ma questa idea è, per fortuna, in gran parte stata criticata dalle femministe di terza ondata, che, per la maggior parte, ha respinto il pensiero secondo cui per ottenere il potere le donne devono dedicarsi ad attività prettamente maschili e rinunciare a tutte le aspirazioni di felicità domestica.
Una svolta c’è stata  con la pubblicazione di ‘Stitch ‘n Bitch’ , il libro scritto da Debbie Stoller, fondatrice della rivista Busto. Il libro è al tempo stesso un how-to e una chiamata all’azione; il capitolo ben scritto “Take Back the Knit” la dice lunga sul rapporto tra femminismo e crafting:

“Betty Friedan and other like-minded feminists had overlooked an important part of knitting when they viewed it simply as part of women’s societal obligation to serve everyone around them–they had forgotten that knitting served the knitter as well.”

 

In altre parole, l’artigianato come il cucire e il lavorare a maglia sono nutrienti per l’anima e, sulla scia di questa idea, le donne oggi sono molto più propense a cucire per se stesse  perché alimenta la loro creatività e il senso della bellezza piuttosto che un senso di obbligo di genere.
annah s intro

Per questo vi invitiamo a cucire, vi invitiamo a prendere in mano la vostra macchina da cucire, ago e filo.
La rivoluzione comincia dalle proprie passioni, dal riappropriarsi dell’arte del saper fare.

L’8 marzo noi cuciamo, e cuciamo anche tutti gli altri giorni!

_Re(d)cycleLab_

fonti:
Gretchen “GERTIE” Hirsch Beacon – Sewing and Feminism
Debbie Stoller – Stitch ‘n Bitch: The Knitter’s Handbook